World Socialist Web Site www.wsws.org

WSWS : Italiano

La sconfitta elettorale di Syriza: bilancio di un tradimento politico

Alex Lantier
22 luglio 2019

Per stampare

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato in inglese il 9 luglio 2019

La sconfitta elettorale domenica 7 luglio del governo Syriza ("Coalizione della Sinistra Radicale") chiude un'esperienza strategica per la classe lavoratrice greca e internazionale. Quando il primo ministro Alexis Tsipras assunse l'incarico quattro anni fa, impegnandosi a porre fine al Memorandum di Austerità dell'Unione Europea (UE), l'intera pseudo-sinistra piccolo-borghese dichiarò che la vittoria del partito era un trionfo massiccio per la classe lavoratrice e un'alternativa "radicale" al capitalismo.

Queste forze propongono Syriza come un modello per tutti i partiti e i leader politici "del 99 per cento" – da Podemos in Spagna al leader del Partito Laburista britannico Jeremy Corbyn e al candidato americano Bernie Sanders, che si autodefinisce un "socialista".

Invece, Syriza ha imposto una serie di misure di austerità più profonde di qualsiasi governo della storia moderna, eccetto il Partito Comunista stalinista nella sua dissoluzione dell'URSS, oltre ad aver trasformato il paese in uno stato di quasi-polizia e implementando la politica contro i profughi più draconiana d’Europa.

Quattro anni dopo, un elettorato frustrato e impoverito ha buttato fuori Tsipras. Con un’alta astensione di massa, l’odiato partito di destra Nuova Democrazia (ND), è tornato al potere.

Un silenzio assordante regna sui giornali di pseudo-sinistra—il Cuarto Poder in Spagna, il Socialist Worker in Gran Bretagna, e il Jacobin negli USA—sulle ragioni di questa sconfitta. È stata il risultato prevedibile del tradimento da parte di Syriza delle sue promesse elettorali. Da quando è entrato in carica nel gennaio 2015, ha firmato servilmente sulla linea tratteggiata per ogni memorandum di austerità, salvataggio delle banche, e taglio sociale richiesti dall'UE.

Questi quattro anni hanno confermato la correttezza dell'analisi del Comitato Internazionale della Quarta Internazionale (CIQI) del divario che separa i lavoratori dai partiti "populisti di sinistra" della ricca classe media. Queste organizzazioni non hanno nulla a che fare con il socialismo. Se i professori universitari, gli operatori dei media e i burocrati sindacali che guidano Syriza potessero parlare francamente di ciò che pensano dell'esito reazionario del loro mandato, direbbero: "Missione compiuta".

Nel 2012, quando Tsipras visitò Washington per un'audizione davanti alla CIA in un contesto di crescente opposizione della classe lavoratrice all'austerità dell'UE imposta dalla ND, il WSWS avvertì: "Nelle prossime lotte di classe, Syriza affronterà i lavoratori come un nemico. Il suo scopo, che sia al potere o meno, è quello di contenere l'opposizione popolare alle politiche di austerità e mantenere il dominio politico del capitale finanziario sulla classe lavoratrice".

Quando Syriza è stata eletta nel gennaio 2015, dopo un anno di scioperi e proteste contro l'austerità, il WSWS ha scritto che Syriza rappresentava "un pericolo enorme. Nonostante la sua facciata di sinistra, Syriza è un partito borghese che poggia su strati benestanti della classe media... Mentre il suo leader, Alexis Tsipras, promette agli elettori una (piccolissima) diminuzione della terribile austerità in Grecia, non si stanca mai di promettere ai rappresentanti delle banche e dei governi all'estero che non hanno 'nulla da temere' da un governo Syriza".

Al contrario, il professore di King's College Stathis Kouvelakis, un ex membro di Syriza, scrisse in Jacobin all'epoca: "Il trionfo elettorale di Syriza ha portato speranza alla sinistra radicale europea e al movimento operaio, offrendogli un'immensa opportunità". Ha ammesso che "l'orientamento strategico di Syriza verso l'UE è anche piuttosto poco chiaro" e che la sua coalizione di governo con i greci indipendentisti di estrema destra era “un male". Tuttavia, ha predetto una lotta: "Il momento della verità è vicino".

Tali affermazioni erano fraudolente quanto la promessa elettorale di Tsipras di porre fine all'austerità dell'UE. Lungi dal cercare di combattere, Syriza è rimasta sorpresa e turbata dalle manifestazioni di massa dei lavoratori che sono scoppiate dopo le elezioni. Non aveva alcuna intenzione di mobilitare la rabbia della classe lavoratrice per i decenni di austerità dell'UE dopo la restaurazione stalinista del capitalismo in Unione Sovietica nel 1991, e soprattutto dopo il crollo di Wall Street del 2008.

Syriza non ha fatto appello alla più ampia opposizione della classe lavoratrice europea e internazionale. Al contrario, l'allora ministro delle finanze Yanis Varoufakis, membro di Syriza, ha visitato le principali capitali europee partecipando a colloqui per elaborare una politica di austerità leggermente modificata. Varoufakis ha poi detto all'Observer che in questi colloqui, durante i quali ha pubblicamente salutato il cancelliere tedesco Angela Merkel come "il politico più astuto” d'Europa, ha proposto politiche economiche dello "standard Thatcher o Reagan".

Questo è stato il motivo per cui Berlino, Londra e Parigi hanno indicato che non avrebbero abbandonato l'austerità - Syriza ha capitolato rapidamente e, calpestando le sue promesse elettorali, il 20 febbraio 2015 firmava un nuovo memorandum di austerità dell'UE. Syriza aveva tutti i poteri d'ufficio per lanciare un appello internazionale al malcontento della classe lavoratrice. Ma non ha voluto. Per far rispettare i tipi di attacchi imposti da Thatcher o Reagan contro i lavoratori britannici e americani negli anni '80, non poteva tollerare un'ondata di scioperi e lotte nella classe lavoratrice.

Per tutta la primavera del 2015, Syriza ha cercato di trovare il modo di giustificare le decine di miliardi di euro di attacchi sociali che stava preparando. Mentre l'UE minacciava di tagliare il credito alle banche greche e costringere la Grecia a ristabilire una moneta nazionale per evitare un crollo del suo sistema finanziario. Tsipras programmava un referendum sull'austerità dell'UE per il luglio del 2015. Come ha riferito più tardi l'ammiratore di Syriza e da tempo pablista Tariq Ali, questo referendum, è stato per Tsipras "un rischio calcolato". Pensava che il campo del ‘Sì’ avrebbe vinto, e aveva in programma di dimettersi e lasciare che fossero i tirapiedi dell'UE a dirigere il governo".

Tuttavia, il primo tentativo di Tsipras di restituire la potenza a destra è fallito. Il "no" ha vinto con una maggioranza del 61 per cento: i lavoratori votavano a stragrande maggioranza contro l'austerità. Tsipras e Syriza hanno poi ignorato il risultato del loro stesso referendum, decidendo di imporre un pacchetto di austerità di 13 miliardi di euro dettato da Berlino e Bruxelles.

Questa decisione era radicata negli interessi di classe serviti da Syriza e rappresentata dalla notevole ricchezza dei suoi leader. Il WSWS ha preso nota all'epoca: "Il legislatore di Syriza Dimitris Tsoukalas (con risparmi personali dichiarati nel 2013 di oltre 1 milione di euro), il ministro delle finanze Tsakalotos (il cui portafoglio azionario vale oltre 500.000 euro), il ministro dell'economia Giorgios Stathakis (426.000 euro investiti con JP Morgan), l'ex leader di Syriza Alekos Alavanos (350.000 euro di risparmi, un portafoglio azionario e 11 proprietà immobiliari), e l'ex ministro delle finanze Yanis Varoufakis (la cui moglie Danae Stratou è milionaria) non può immaginare o tollerare una rottura con l'UE perché - come il resto dell'élite dominante greca - perderebbero una sostanziale quantità di ricchezza se la Grecia uscisse dall'euro e i loro beni sarebbero ridenominati in una moneta nazionale fortemente svalutata.”

Che cosa ha significato questo per i lavoratori in Grecia? È stato il più grande crollo economico in Europa dopo la reintroduzione del capitalismo da parte degli stalinisti nella stessa Unione Sovietica. La produzione economica è diminuita di un quarto, i redditi di oltre il 30 per cento e le pensioni del 50 per cento, mentre il tasso di povertà è salito al 35 per cento. Il tasso di disoccupazione si attesta ancora al 18 per cento e oltre il 40 per cento per i giovani, anche dopo l'aumento dell'occupazione nell'economia gig che Syriza ha fortemente propagandato. Un lavoratore greco su tre lavora con un salario a tempo parziale di 317 euro al mese, ovvero la metà del salario minimo ufficiale.

L'austerità dell'UE sotto la supervisione di Syriza ha distrutto milioni di vite, facendo tornare indietro di decenni la classe lavoratrice. La fine dell'assistenza sanitaria universale ha comportato un aumento dei decessi per malattie prevenibili, o perché i tumori sono scoperti solo in fasi avanzate della malattia a causa di una sospensione dei test. Nei luoghi di lavoro, i lavoratori sono abitualmente costretti ad accettare di rimborsare parte del loro stipendio ai datori di lavoro come condizione preliminare per trovare lavoro, o a rinunciare al loro stipendio per lunghi periodi di tempo. Centinaia di migliaia di greci sono stati costretti a lasciare il loro paese per cercare lavoro.

Coloro che affermano che questo è stato il risultato inevitabile di una lotta ineguale tra la Grecia e l'intera Unione Europea non fanno altro che ingannare se stessi e gli altri. Gli ultimi anni hanno visto il più grande aumento di scioperi e proteste sociali, in tutta Europa e oltre, negli ultimi decenni. Tra questi, il primo sciopero nazionale degli insegnanti in Polonia dopo la restaurazione stalinista del capitalismo nel 1989, le proteste francesi dei "gilet gialli", e gli scioperi contro il congelamento dei salari dell'UE in Germania, Portogallo, e Belgio.

Il governo Syriza ha rifiutato di appellarsi e mobilitare questa opposizione nella classe lavoratrice internazionale, perché guidato da una congrega di gangster piccolo-borghesi, determinati a salvare la ricchezza delle banche e ad arricchirsi.

Una delle principali preoccupazioni del governo Syriza dal 2015 è stata quella di perfezionare le tecniche di repressione della polizia nei confronti dei lavoratori. Mentre allestisce campi di concentramento in Grecia per i rifugiati in fuga dalle guerre imperialiste in Siria e Iraq, Tsipras ha anche rafforzato la polizia antisommossa e ha coltivato un rapporto con il dittatore militare Generale Abdel Fattah el-Sisi, il macellaio della rivoluzione egiziana del 2011. Non c'è dubbio che, mentre Tsipras lascia l'incarico, i piani sono stati già ben congegnati per farlo emergere rapidamente e personalmente ricco.

Quattro anni di governo Syriza hanno fornito lezioni politiche devastanti, acquistate a caro prezzo, per la classe lavoratrice internazionale. Il compito più urgente è trarre le conclusioni politiche che derivano da questi insegnamenti.

Questa esperienza ha dimostrato in modo indimenticabile l'impossibilità di combattere un ordine capitalista in bancarotta votando per i partiti di “sinistra populista" per attuare riforme sotto il capitalismo. Il tradimento compiuto da Syriza, radicato nella sua base di classe composta di piccolo-borghesi benestanti, si ripeterà se parti simili salgono al potere altrove. La via da seguire è una svolta alla prospettiva del marxismo classico, cioè il trotskismo: la mobilitazione rivoluzionaria del pieno potere industriale ed economico della classe lavoratrice internazionale per prendere il controllo della vita economica e del potere statale.

La lotta per questa prospettiva richiede una nuova leadership rivoluzionaria nella classe lavoratrice. Tale leadership è il CIQI, che ha dimostrato attraverso la sua opposizione a Syriza la correttezza fondamentale della sua prospettiva di classe e il suo orientamento alla classe lavoratrice. Il compito centrale è ora la costruzione di sezioni del CIQI in Grecia e in ogni paese.

 



Copyright 1998-2017
World Socialist Web Site
All rights reserved